Login

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Coordinamento spdc Lazio

Pubblicato in Emessi Coordinamento

Richiesta urgente ripristino personale medico SPDC di Latina e Rieti e sospensione reperibilità

Lunedì, 30 Maggio 2016 00:00 Scritto da 

Coordinamento SPDC di Roma e Lazio

Servizi Psichiatrici di Diagnosi e Cura

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.">Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

https://www.coordinamentospdclazio.it

06 3306 2408

06 3306 2366 fax

 

Roma, 20.7.2009

                                                                                              Al Presidente Giunta Regionale Lazio

On. Piero Marrazzo

Al Vicepresidente Giunta Regionale Lazio

On. Esterino Montino

al Presidente della Commissione Sanità

On. Luigi Canali

e ai membri della Commissione Sanità

Al Direttore Generale per la

Programmazione sanitaria

Dr. Giampaolo Grippa

Al Direttore Regionale ai Finanziamenti

Dr. Paolo Artico

Al Coordinatore Uff. Commissariale

Dr. Norberto Cau

Al Dirigente Ufficio Salute Mentale

dott.sa Simonetta Fratini

Al Presidente della Consulta

Salute Mentale Regione Lazio

Sig. Federico Giovenga

Oggetto: richiesta urgente ripristino personale medico SPDC di Latina e Rieti e sospensione reperibilità

Il Coordinamento SPDC di Roma e Lazio ha ricevuto notizia che nei SPDC di Rieti e Latina il personale medico sarebbe stato ridotto a 2 unità, mentre i restanti medici sarebbero stati trasferiti sul territorio dove devono garantire, attraverso l’istituto della reperibilità, prestazioni d’urgenza in PS e nel SPDC.

Tali disposizioni, attuate peraltro senza il ricorso a delibere aziendali o a ordini di servizio del Direttore del DSM, violerebbero la legge regionale n.424 del 2006 che prevede per i SPDC della Regione Lazio un organico stabile di 8 medici e, soprattutto nel caso di Latina, che è SPDC con ampio bacino d’utenza e elevato numero di accessi in PS con prima diagnosi psichiatrica e ricoveri in SPDC e in TSO, costituirebbero un grave pregiudizio per la qualità dell’assistenza e per la sicurezza di operatori e pazienti.

Inoltre, nel caso di Latina, tali disposizioni non sarebbero state proposte come misure temporanee legate alla carenza d’organico, ma come scelte organizzative, in palese contrasto con la normativa vigente.

Si chiede, pertanto, di autorizzare le ASL di Rieti e Latina a rimpiazzare al più presto i vuoti di organici di medici e infermieri dei SPDC e di ripristinare l’organico stabile quale garanzia per un corretto svolgimento delle funzioni proprie del SPDC.

Cordiali saluti

per il Coordinamento SPDC del Lazio

il Portavoce

Giuseppe Ducci

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 558 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Devi effettuare il login per inviare commenti