Login

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Coordinamento spdc Lazio

Pubblicato in 2015

Verbale della riunione del Coordinamento SPDC Lazio del 15 Dicembre 2015, tenutasi presso la sala Maccacaro del Complesso SMP, in Roma.

Domenica, 20 Novembre 2016 09:31 Scritto da 

Verbale della riunione del Coordinamento SPDC Lazio del 15 Dicembre 2015, tenutasi presso la sala Maccacaro del Complesso SMP, in Roma.

Presenti15 tra Direttori/Responsabili e delegati di 9 SPDC su 22:Colleferro (Manzi) Tivoli (Sciarretta, Lega), Grassi/Ostia (Chiossi), Pertini (Maci), Civitavecchia (Angelillis, Marino, Baldini), Frascati (Paulis, Roccia), S.Andrea (De Pisa, Mattioni, Carbut), S. Spirito (Martini), S. Camillo (Ciaccafava).

Sono presenti alla riunione Daniela Pezzi (Presidente della Consulta Regionale per la Salute Mentale) e Cinzia Niolu (Presidente Eletto della SIP Lazio)

Argomenti specificati nell’ODG e discussi:

  1. Pezzi sottolinea la necessità di una più intensa collaborazione fra i vari agenti che partecipano ai progetti assistenziali del paziente psichiatrico (associazioni dei familiari, coordinamenti delle strutture psichiatriche, società scientifiche) allo scopo di elaborare percorsi di cura che presentino una appropriatezza terapeutica, una implementazione concreta ed una validità scientifica. A tale proposito si sottolinea la importanza delle équipe multidisciplinari, nel progetto di intervento integrato. Viene riferita l’elaborazione di una proposta, da parte del coordinamento dei Direttori dei DSM, di linee procedurali per ASO e TSO. Al momento non si conoscono ulteriori dettagli di tale documento. Si precisa, infine, la presenza di un preciso impegno regionale riguardo la copertura finanziaria relativa alla continuità di servizio dei vari medici precari, impegnati nei servizi psichiatrici.
  2. Niolu riferisce che i posti letto di psichiatria dell’Università di Roma “Tor Vergata”, attualmente collocati nella Casa di Cura “Sant’Alessandro”, saranno trasferiti presso il Policlinico di Roma “Tor Vergata” a partire dal prossimo anno. Per il momento, dal 1/1/2016, l’attività assistenziale sarà limitata a quella ambulatoriale. L’apertura del SPDC del Policlinico di Roma “Tor Vergata” è, invece, rimandata di qualche mese.
  3. Viene ribadito da Maci, e condiviso da tutti, come l’assenza dei posti letto- SPDC del Policlinico “Tor Vergata”, oltre a determinare un notevole impegnoda parte dei vari SPDC coinvolti nell’assistenza dei pazienti provenienti dal bacino di utenza affluente alla struttura citata, procura notevoli disagi sia alle famigle che ai pazienti stessi.
  4. Si ripropone (De Pisa, Carbut, Angelillis) di esaminare, in modo adeguato, le varie proposte di diversificazione del SPDC per intensità di cura, al fine di verificare la loro applicabilità concreta. Tutti gli intervenuti concordano nel ritenere la relativa carenza delle strutture intermedie uno dei fattori favorenti i ricoveri in SPDC, al di là delle reali esigenze cliniche..
  5. Da ricordare ,infine, di: a) di inviare a Sciarretta le segnalazioni di violazione del protocollo trasporti 118; b) di inviare Manzi le segnalazioni relative alle aggressioni in SPDC; c) di collaborare attivamente in relazione alle problematiche riguardanti la contenzione.

Il Coordinamento si riunirà il 19/01/2016 , nella stessa sede, come da calendario programmato.

Ultima modifica il Domenica, 20 Novembre 2016 09:38
Letto 427 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)
Etichettato sotto
Devi effettuare il login per inviare commenti